header
TESTAMENTO BIOLOGICO

Iscrizione al registro comunale delle dichiarazioni anticipate di volontà relative ai trattamenti sanitari (testamento biologico)

Il testamento biologico, conosciuto anche come ‘Dichiarazione di volontà anticipata per i trattamenti sanitari´, è un documento che permette di indicare in anticipo i trattamenti medici che ciascuno intende ricevere o rifiutare in caso di incapacità mentale, di incoscienza o di altre cause che impediscano di comunicare direttamente ed in modo consapevole con il proprio medico. Il Comune di Cesate ha istituito il Registro comunale dei testamenti biologici, per la raccolta e conservazione di questi documenti (Delibera di consiglio Comunale n. 21 del 30/07/2015).
Garantisce il diritto dei cittadini residenti a manifestare preventivamente la propria volontà circa l´accettazione o il rifiuto di alcuni trattamenti sanitari o terapie. La sua gestione è affidata al Servizio Demografici.

Requisiti
Tutti i cittadini maggiorenni residenti nel Comune di Cesate, in possesso di un valido documento di identità, possono depositare il proprio testamento biologico.

Costo
Gratuito

Documentazione
È possibile redigere autonomamente il testamento biologico, su carta semplice o sul modello in allegato. Il documento deve contenere la dichiarazione di volontà (l´accettazione o il rifiuto di taluni trattamenti e terapie sanitarie) per i trattamenti sanitari, il nominativo del dichiarante (soggetto che manifesta la volontà) e il nominativo di un fiduciario (soggetto incaricato di dare attuazione alla volontà del dichiarante). È possibile indicare il nominativo di un supplente fiduciario, che agirà come fiduciario nel caso questo sia impossibilitato a farlo.

Note
Il testamento biologico va consegnato, a cura del dichiarante, in busta chiusa, presso i Servizi Demografici, ufficio Stato Civile in via Don Oreste Moretti 10.
La consegna deve avvenire previo appuntamento telefonico al numero 02/99471213 ­ 02/99471214
Verrà rilasciata una ricevuta con il numero di protocollo, il nominativo del dichiarante, del fiduciario ed, eventualmente, del supplente fiduciario. Il testamento, revocabile in ogni momento, è custodito nell´archivio comunale e consegnato a richiesta al dichiarante, al fiduciario o al supplente fiduciario, dietro presentazione della ricevuta.

Normativa
In Italia non esiste una legge che regolamenti la validità del testamento biologico. C´è però una giurisprudenza costante nella quale trova fondamento Il diritto a manifestare preventivamente la propria volontà circa l´accettazione o il rifiuto di taluni trattamenti sanitari o terapie, in particolare:

Nell´art. 13 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce che ‘la libertà personale è inviolabile´, riconoscendo la libertà e l´indipendenza dell´individuo nelle scelte personali che lo riguardano, nonché nel successivo art. 32 che statuisce che ‘nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge´ e che ‘la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana´;
Nella Carta dei Diritti Fondamentali dell´Unione Europea che, all´art. 3, riconosce come diritto fondamentale del cittadino, accanto al diritto all´integrità fisica e psichica, il diritto del paziente al consenso informato in tutte le procedure sanitarie;
 
Nella Convenzione sui Diritti Umani e la Biomedicina di Oviedo del 04.04.1997, ratificata dall´Italia con Legge 28 marzo 2001 n. 145, che stabilisce che i desideri precedentemente espressi a proposito di un intervento medico da parte di un paziente che, al momento dell´intervento, non è in grado di esprimere la sua volontà saranno tenuti in considerazione.
 
Delibera di consiglio Comunale n. 21 del 30/07/2015.

ALLEGATI